Budino alla vaniglia

Non so voi, ma io sono sempre andata matta per tutti quei troiai budinosi che al super si trovano nel reparto frigorifero, forse perchè da piccola non me li facevano mai mangiare oppure anche solamente perchè sono terribilmente golosa, chissà. Sta di fatto che li compro di rado, ma li punto sempre…

A dire la verità però da quando ho scoperto che tra i dolci fatti con gli aromi naturali, e quelli fatti con gli aromi artificiali ci corre veramente troppo sono sempre meno tentata, però la voglia rimane….

Poi è arrivata l’occasione giusta per fare questo budino, che detto tra le righe è superspettacolare. Era poco prima di Natale e io ero ancora immersa nel biscottamento natalizio. L’ultima sfida era rappresentata dagli Zimtsterne. Guardo per bene la ricetta e vedo che non ci sono tuorli ma solo albumi. Poco male, ho pensato, tanto ne ho il congelatore pieno..solo che guardando bene mi sono accorta che a forza di utilizzarli per cose varie di albumi non ce n’era neanche l’ombra.

Urgeva quindi una ricetta che prevedesse solo tuorli.

Poi c’era un’altra questione aperta. Da poco ero riuscita a mettere le mani su uno stampo da budini della Guardini, fatto apposta per formare budini e panne cotte alla perfezione e morivo dalla vogli di provarlo. Se funzion potete giudicalo voi dalla foto. Io direi decisamente sìììì! 😀

❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀

Ingredienti

  • 100 g di zucchero
  • 4 tuorli
  • 8 g di gelatina in fogli
  • 350 ml di latte scremato
  • 200 ml di panna fresca
  • 1 cucchiaino di vaniglia in polvere

Preparazione

Come prima cosa mettete ad ammorbidire i fogli di gelatina in una ciotola con dell’acqua fredda.

In un pentolino mettete il latte, la panna e la vaniglia in polvere a fateli cuocere fino a sfiorare l’ebollizione. A questo punto pegnete il fuoco, unite i fogli di gelatina strizzati e mescolate fino a che questi non si saranno sciolti completamente.

In una zuppiera versate i tuorli e lo zucchero e montate gli ingredienti; quando saranno montati unite il composto di panna e latte.

Versate il composto in uno stampo da budino e fate gelificare in frigorifero per tutta la notte.

19 thoughts on “Budino alla vaniglia

  1. Pingback: Tweets that mention Budino alla vaniglia -- Topsy.com

    1. GuyaB

      Il budino è molto buono, ma ha lo svantaggio che poi bisogna aspettare diverse ore che si gelifichi!! :)

      Reply
      1. madama bavareisa

        Dai, c'è tempo fino al 6! In ogni caso è pronto il codice per mettere il banner (che è l' "adesione" di chi ad esempio non ha un foodblog 😉 )
        Grazie!

        Reply
    1. GuyaB

      Già.. Purtroppo io ero grassottella anche da piccola per cui mia mamma cercava di limitarmi!
      Ma ora..chi mi ferma? 😀

      Reply
  2. Lo81

    Si possono congelare gli albumi?! Non lo sapevo proprio. Questo segnerà una svolta nella mia “vita culinaria”!
    Bello e buono il tuo modo di impegare i tuorli!

    Reply
    1. GuyaB

      Quando l’ho scoperto é stata una svolta anche per me!
      Poi quando iniziano ad abbondare faccio i miei tentativi, finora tutti vani, con le meringhe! :)

      Reply
  3. UnaZebrApois

    grazie a te l’epiteto “troiai budinosi” entra ufficialmente nel mio vocabolario!!!Mi piace troppo 😀 rende perfettamente l’idea!!!E comunque sì…fanno egregiamente la loro azione persuasiva…prima fra tutti la coppa malù, la guardi sempre, la desideri allo spasmo…ma quando la mangi pufff fa veramente schifo -.-‘
    ed ecco che per tirarmi su al pensiero di quella fregatura commerciale non resta che tirar fuori il pentolino e produrre ‘sta goduria immensa e tremolante che ci hai proposto!!! :DDD

    Ho giusto giusto un barattolino di agar da temrinare…sembra che la tua ricettuzza capiti proprio a fagiUolo!!!

    Smacckete!

    Reply
    1. GuyaB

      È vero, la coppa Malù che delusione!!
      Cmq sì, alla fine mi sono rassegnata: se ho voglia di un troiaio budinoso che appaghi anche le mie papille gustative è meglio se me lo preparo da sola!

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *