Jacked potato

Se fossi una ricetta sarei…

Ma che domande! Sarei sicuramente sarei una jacked potato, altrimenti più italianamente detta patata in giacchetta.

Questo è quello che ho pensato quando ho letto il tema del nuovo contest di Juls. D’altronde il nome del blog di certo non l’ho scelto a caso! 🙂

Sarei una patata, sicuramente rotondeggiante e dalla polpa morbida e dolcina (ma non troppo per carità!), e con una buccia spessa, che però quando si apre..gnam! Non una patata a caso, ma una patata che si mangia scavando con il cucchiaio e che la si può condire in molti modi, dai più semplici ai più elaborati, quindi molto versatile.

Inoltre per preparare una buona patata in giacchetta occorre avere pazienza, ci vogliono circa due ore a cuocerla in forno, per cui mi si addice anche perchè io sono una ritardataria cronica, capita spesso che mi faccia desiderare. 🙂

Se non si fosse capito partecipo con questa ricetta al contest di Giulia (e organizzato in collaborazione con Macchine Alimentari), “Se tu fossi una ricetta..”

❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀

Ingredienti (per una patata)

  • Una patata
  • Sale grosso
  • Una noce di burro salato
  • Fiocchi di latte o altro condimento

Preparazione

Lavate accuratamente una grossa patata e con una forchetta bucatene la buccia. Cospargetela con un paio di pizzichi di sale e mettetela a cuocere nel forno caldo a 200°C per circa due ore.

Una volta cotta tagliatela in senso longitudinale, salatela e nel mezzo conditela con una noce di burro e i fiocchi di latte.

24 thoughts on “Jacked potato (patata in giacchetta)

      1. veru

        Sì ma non nello stesso quantitativo dell’Inghilterra. Si trova ma non è un piatto molto ambito o molto preparato perchè qua usa masharle le patate… 😀

        Reply
  1. Pingback: Il nuovo contest: Se tu fossi una ricetta… | Juls' Kitchen

  2. la zucca mezza piena

    Patata in giacchetta, che nome simpatico! Le ho mangiate la prima volta in un take away turco ad Amburgo e lì si chiamavano Kumpir, poi le ho rimangiate come Backartoffeln in vari posti della Germania, e ora scopro finalmente che hanno un nome anche in italiano , comunque si chiamino mi piacciono taaaaantissimo!!! Piacere di averti conosciuto tramite il contest di Juls.
    Daria.

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *