Panna-cotta-al-cappuccino

L’idea di questa panna cotta me l’hanno data queste tazzine della suocera. Non so perchè ma da quando le ho viste ho pensato a come fare a farci una panna cotta che simulasse nell’aspetto e nel gusto un cappuccino schiumoso. Quindi ho preso momentaneamente in prestito le tazzine e oggi le ho finalmente restituite alla legittima proprietaria. Diciamo che me le sono tenute per qualche mese in ostaggio! 🙂

Quando poi la Kia, in collaborazione con Algheria, ha lanciato il suo contest sull’agar agar ho capito che era arrivato il momento giusto di mettere in pratica la mia idea. Tra l’altro il contest è cascato proprio a fagiolo, perchè non solo mi ha spronata a realizzare la mia idea della panna cotta al cappuccino, ma mi ha spinta anche a provare l’agar agar. L’avevo comprato tempo fa in una delle mie incursioni al NaturaSì, ma poi non avevo mai avuto il coraggio per provare ad usarlo.

In questi giorni poi mi sono documentata sul suo utilizzo e ho scoperto che è veramente facile da utilizzare, l’unica accortezza che si deve avere è quella di farlo sciogliere in un liquido che viene portato ad ebollizione perchè altrimenti non gelifica. Ho scoperto anche un notevole vantaggio nell’uso dell’agar agar rispetto alla cosidetta colla di pesce: mentre per far gelificare la gelatina animale bisogna aspettare diverso tempo per far gelificare l’agar agar ci vuole molto meno, perchè basta che il composto raggiunga la temperatura ambiente! Quindi è particolarmente adatto alle preparazioni che prevedono più strati!


Con questa ricettina partecipo al contest Agar Agar pensaci tu!


❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀ ❀

Ingredienti

  • 500ml di panna fresca
  • 50 ml di latte intero
  • 4g di agar agar
  • cacao in polvere
  • 6 cucchiaini di zucchero vanigliato
  • 8g di caffè solubile

Preparazione

In un pentolino fate bollire mescolando bene insieme 3g di agar agar, 400ml di panna, 8g di caffè solubile e 5 cucchiaini di zucchero vanigliato. Una volta raggiunto il bollore togliete dal fuoco e versate in bicchierini di vetro trasparente. Lasciate raffreddare e gelificare fino a che il composto non avrà raggiunto la temperatura ambiente.

In un pentolino portate ad ebollizione 50ml di latte intero, 1g di agar agar e 1 cucchiaino di zucchero vanigliato. Nel frattempo montate i rimanenti 100 ml di panna. Mescolate il composto di latte e di panna e versate sui bicchierini dove si trova la panna cotta al caffè. Livellate e spolverate con il cacao amaro in polvere.

Condividi!

20 thoughts on “Panna cotta al cappuccino

  1. lagaietta

    lanciatissima sui dolci al cucchiaio! wow
    uff anche io mi devo impegnare per questo contest della kia perchè ho detto che partecipo e lo faccio, ma l'agar agar un pò mi spaventa…vabbè amen farò le prove!

    Reply
    1. GuyaB

      Gaia!! Mi mancava il tuo commento mattiniero! Sì, mi sono data ai dolci al cucchiaio, perchè sai che? Sono la mia grande passione!!

      Anch’io ero intimorita dall’agar agar, ma poi mi sono documentata un po’ e alla fine ho scoperto che è molto facile da usare!

      Reply
  2. kia

    ricevuto pingback!!! grazie!!!
    una cosa te la devo dire!!! il cucchiaino è delizioso! ne ho uno identico, era della mia bisnonna ed è quello con mangiavo il budino alla vaniglia quando avevo la febbre da piccina… 😀 scusa, m’hai svegliato il ricordo!! 😀 te lo dovevo dire! 😀

    Reply
    1. GuyaB

      Che cosa fantastica! Io l’ho trovato nel set di posate tutte diverse che mi ha regalato Brontolo! Però il mio bambù è fintissimo! 🙂

      Ti ha soddisfatta la mia ricettina?

      Reply
  3. Tery

    E’ valsa la pena di fare questo rapimento!! L’effetto è simpaticissimo e chissà che bontà questa panna cotta!!

    Reply
    1. GuyaB

      Grazie! Allora sono riuscita nella mia impresa! 🙂

      Ho visto il tuo contest e credo proprio che parteciperò, ho anche già in mente come! 🙂

      Reply
  4. Meg

    Mio dio che paradiso! amo da morire la panna cotta, e poi al cappuccinoooo!! vuoi farmi morire ho capito!!! goduria!! bravissima!!

    Reply
  5. La Melannurca

    Agar agar, questo sconosciuto 🙂 Adesso che anch'io mi sono lanciata nelle panne cotte non potrò fare a meno di provarlo! La tua è f a v o l o s a!! Sembra un cappuccino vero!!

    Reply
  6. Lo81

    Io ho da poco sperimentato per la prima volta la panna cotta tradizionale, il secondo passo sarà quello di provarla con l’agar agar… quasi quasi provo la tua al cappuccino!

    Reply
  7. Pingback: Su per il mestolo » Blog Archive » Maialino salvato, maialino fortunato!

  8. Cipi

    Complimenti per il sito. E’ davvero eccezionale. non mancanole ricette semplici e nemmenoquelle più elaborateper tutti i gusti, ma quello che balza all’occhio e scalda ilcuore sonole tue foto e la tua presentazione dei piatti……. semplicemente arte che trasmette le emozioni più dolci e calde della vita. Cipi

    Reply

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono evidenziati con ll segno *