Chiedo perdono di non aver aggiornato il blog da diversi giorni, ma invece di cucinare e scrivere e tenere relazioni con voi mi sono dedicata alla lettura di un meraviglioso fumetto che mi aveva portato Babbo Natale. Il titolo è Blankets e l’autore è Thompson Craig.

I disegni sono affascinanti e fanno da cornice ad una storia d’amore così semplice e al tempo stesso speciale che è difficile non ritrovarci dentro un qualcosa di noi stessi. Spero di non violare troppi copyright ma ho voglia di condividere con voi questa vignetta “parlante”  tratta da questa graphic novel – che vi consiglio proprio di leggere!-.

Ora che ho finito di leggere ho riaperto la cucina e sabato mi sono dedicata alla realizzazione dei mendiant.

Che cosa sono? Sono dolci tipici francesi composti da un disco di cioccolato con sopra della frutta secca o candita. La tradizione vuole che questi cioccolatini rappresentino uno dei quattro ordini monastici a seconda di che frutta hanno sopra facendo riferimento al colore dei loro abiti. Quindi l’uvetta è associata ai Domenicani, i fichi secchi ai Francescani, le mandorle ai Carmelitani e le nocciole agli Agostiniani.

Io ovviamente ho fatto una versione un po’ eterodossa perché ho deciso di metterci sopra una fettina di arancia candita, una nocciola e un pistacchio. Il risultato è veramente d’effetto…farete un figurone con pochissimo lavoro!

*****************************************************

Ingredienti

  • Una tavoletta di cioccolato fondente
  • Pistacchi
  • Nocciole
  • Arancia Candita

Preparazione

Fate fondere il cioccolato a bagnomaria.
Su un tappetino di silicone versate il cioccolato fuso a cucchiaiate. Su ogni cucchiaiata di cioccolato adagiateci un pezzettino di scorza d’arancia, una nocciola e un pistacchio.
Fate freddare e risolidificare la cioccolata in frigorifero per un’oretta.

Condividi!

6 thoughts on “Mendiant

  1. Pingback: Cioccolatini al burro d'arachidi | La Patata in Giacchetta

  2. Pingback: i migliori blog di cucina » Blog Archive » Cioccolatini al burro d’arachidi

Lascia un commento

La tua mail non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono evidenziati con ll segno *